Tutto può succedere (Something's Gotta Give)

Regia: Nancy Meyers; sceneggiatura: Nancy Meyers; interpreti: Jack Nicholson, Diane Keaton, Frances McDormand, Keanu Reeves,  Amanda Peet, Jon Favreau, Michael Glaser; produttore: Bruce A. Block, Suzanne McNeill Farwell, Nancy Meyers; musica originale: Ramin Djawadi, James S. Levine, Blake Neely, Heitor Pereira, Christopher Young, Hans Zimmer; fotografia: Michael Ballhaus; montaggio: Joe Hutshing; ricerca attori: Janet Hirshenson, Jane Jenkins; scenografo: Jon Hutman; direzione artistica: Steve Graham, John Warnke; arredatore: Beth A. Rubino; costumi: Suzanne McCabe; società produttrici: Columbia Pictures Corporation, Warner Bros., Waverly Films;  nazionalità: USA, anno di produzione: 2003; durata: 128 min.

URL: http://www.imdb.com/title/tt0337741/maindetails
URL: http://www.sonypictures.com/movies/somethingsgottagive/index.html
TRAILER

Ci sono generi cinematografici che sono scomparsi dagli schermi parallelamente al modificarsi di costumi e sentire comune. Uno di questi è la commedia sofisticata americana, quella che produsse grandi divi ed enormi successi nel cinema americano degli anni quaranta. Da qualche tempo questo genere, basato su coppie impossibili che finiscono per amarsi, batte la fiacca, quando non latita del tutto. Tutto può succedere (Something's Gotta Give), della produttrice e regista Nancy Meyers, è la prova di quest’impossibile risurrezione. Lei è una colta divorziata, commediografa di successo, lui un maturo gaudente che se la fa con sua figlia. Complice un disguido logistico si ritrovano sotto lo stesso tetto e, ovviamente, dopo un bel po’ di scaramucce finiscono nello stesso letto. A non funzionare nel film è la pesantezza del racconto, la rozzezza dei dialoghi, la scarsa brillantezza degli interpreti, un Jack Nicholson tutto smorfie e una Diane Keaton incline alle mossette leziose. Forse, tuttavia, il problema è più profondo e a rendere impossibile questo tipo di cinema è la brutalità di un’epoca che ha cancellato i sogni, anche quelli di celluloide.

 
Valutazione: 1 2 3 4 5